HOME                 

Informazioni generali
Vendita per corrispondenza
Cataloghi on line
Eventi e Occasioni
Cataloghi cartacei            Pagamento dei bulbi ordinati
Scriveteci via e-mail              Mailing list

Il Sentiero Verde dei Bulbi

Chi siamo                                 Dove siamo
Mostra del Narciso
I Bulbmen            Links                     

sito riassuntivo:           www.domus-bulborum.com

sito commerciale:  ww.florianabulbose.eu

microrete di siti:

www.bulbi.net

siti informativi: www.bulbose.it           www.amo-bulbi.it   www.bulbi.net

 







F L O R I A N A   B U L B O S E
        Via Silio Italico, 20   00040 Monte Porzio Catone (Roma)  tel. 06 9447769  fax 06 23328175

Begonia BOUTON DE ROSE
 

La cultivar BOUTON DE ROSE appartiene al gruppo delle begonie tuberose orticole derivate da Begonia x tuberhybrida. E' caratterizzata da fogliame verde ed abbondanti fioriture con singoli grandi  fiori doppi (diametro fino a 15 cm) di colore rosa chiaro con bordo più scuro su steli eretti o leggermente incurvati.

Del vasto genere Begonia fanno parte le begonie tuberose a riposo invernale, adatte alla coltivazione sia in vaso che in piena terra. 

Queste begonie sono dotate di un vero e proprio tubero. Il tubero deriva dalla trasformazione di un fusto sotterraneo il cui midollo si ingrossa e diviene magazzino di sostanze di riserva. L’organo ipogeo delle begonie tuberose ne è il classico esempio. La consistenza di un tubero è molto diversa da quella di un bulbo. Il suo interno è compatto ed uniforme e costituito soprattutto da carboidrati. Nella parte esterna hanno generalmente numerose gemme dalle quali si svilupperanno le foglie ed i steli fiorali alla ripresa vegetativa. 

La diretta messa a dimora dei tuberi delle begonie all’esterno è consigliabile dalla fine di febbraio in poi, quando il rischio di gelate è limitato. In caso di incertezze sull’andamento delle temperature notturne è necessario rinviare la piantagione oppure coltivare queste begonie in vasi dell’altezza di almeno 10 cm in zone a riparo e trapiantare l’intero pane di terra nella posizione definitiva in giardino quando ogni pericolo di gelo sia passato. Il terriccio deve essere di ottima qualità mescolato in parti uguali con torba e sabbia. Il tubero deve essere piantato con la parte concava (parte con incavo) rivolta verso l’alto e ricoperto con uno strato leggero di terriccio di appena 2 cm. E’ importante un ottimo drenaggio. La distanza tra i tuberi è generalmente compresa tra 20 e 25 cm.

Durante la coltivazione il terriccio deve rimanere costantemente umido, ma mai molto bagnato, evitando di farlo asciugare completamente. E’ ideale annaffiare abbondantemente di tanto in tanto quando il terriccio sta per essiccarsi completamente. Il terriccio ben drenato eviterà il ristagno dell’acqua.

I germogli compaiono piuttosto presto ma la crescita non è rapidissima. Le begonie arrivano a fioritura dopo 12-15 settimane dalla messa a dimora, mantenendola  fino all’autunno inoltrato.

L’esposizione ideale per le begonie è la luce filtrata da piante sovrastanti. Vanno benissimo anche  aree esposte alla luce del mattino e della sera, ma non in pieno sole durante le ore più calde della giornata. Solo in luoghi molto freschi di montagna le begonie possono essere collocate in zone soleggiate anche a mezzogiorno.

E’  consigliabile concimare regolarmente con fertilizzante composito disciolto nell’acqua in modo che gli elementi nutritivi possano essere rapidamente assorbiti. La somministrazione dei concimi può essere iniziata al momento della seconda o terza foglia. Molto utile è la concimazione nel periodo terminale della fioritura quando le piante dovranno riformare gli organi sotterranei prima che tornino in dormienza, ma deve essere evitata nel periodo della senescenza delle foglie.

Con i primi freddi autunnali le foglie cominciano ad ingiallire afflosciandosi al suolo e perdendo di consistenza. Questo è il momento giusto per recidere tutte le ramificazioni al livello del suolo. La possibilità o meno di lasciare le begonie in terra durante l’inverno cambia a seconda delle condizioni climatiche.

E’ importantissimo specificare che le begonie da tubero si conservano eccellentemente di anno in anno e quindi non vanno assolutamente buttate come si fa spesso con i gerani e le surfinie. Nel centro-sud d’Italia possono essere lasciate in terra indisturbate, ma è essenziale che non si verifichino mai ristagni d’acqua e il substrato si mantenga essenzialmente asciutto. Nel centro-nord sarà necessario estrarre i tuberi dal terreno, ripulirli, eventualmente trattarli con anticrittogamici, o zolfo e polvere di carbone per evitare i marciumi e conservale in ambiente fresco, non eccessivamente asciutto, in sabbia appena inumidita oppure in torba o trucioli.

Le piante vengono attaccate frequentemente da limacce. La protezione con specifiche esche non può essere generalmente evitata. 


 
                      HELP
Se questa pagina è stata raggiunta dal CAT-I   chiudere   la   finestra   di   questa   schermata   per ritornarvi (a dx in alto dello schermo).
Per tornare alla pagina dei cataloghi:
Per trovare descrizioni dettagliate di altri articoli dai vari cataloghi :                

Per visitare la galleria delle immagini delle geofite incluse nel CAT-I:

              

 
Genere: Begonia
specie: x tuberhybrida
sottospecie/'Forma'/CULTIVAR BOUTON DE ROSE
Famiglia: Begoniaceae
Origine: orticola
Colore dominante del fiore: rosa chiaro con bordo più scuro
Altezza: 20-30 cm
Periodo di fioritura: estate-autunno
Profumo: nessuno
Altre caratteristiche particolari: lunga fioritura
Uso consigliato: vaso o piena terra
Esposizione: mezzombra
Suolo: permeabile, ricco
Umidità suolo nel periodo vegetativo: medio-alta
Distanza tra i tuberi: 20-25 cm
Coltivazione: facile
Disponibilità: febbraio-maggio
Presente nel CAT-I , valido da Febbraio a Maggio
quantità minima venduta      codice dell'articolo          
    3     BEG002  

ORDINARE

 

 

 

 

 

dal sito www.florianabulbose.com

Questa pagina è protetta:

© copyright Floriana Bulbose

Altre pagine informative su questo genere :

Alle schede riguardanti i singoli cataloghi

Alla pagina delle schede dei generi del CAT-I